http://cristinachiappini.com/category/featured/
sfoglia il libro A cura di Cristina Chiappini & Silvia Sfligiotti Open Projects raccoglie 51 lavori contemporanei, che spaziano dai sistemi di identità alla tipografia alle installazioni, e che hanno un approccio comune: allontanandosi da un’idea istituzionale e controllata del design, aprono spazi per la partecipazione degli utenti, per l’evoluzione delle forme, per l’adattamento degli strumenti al contesto. I progetti selezionati sono esempi di un design flessibile, non imposto dall’alto ma costruito nella realtà, tenendo conto delle differenze e valorizzandole. Alcuni di essi prendono una posizione sociale o politica, altri riflettono sulla tecnologia e sul modo in cui è usata; molti accolgono l’imperfezione, l’errore e il caso come modo per riportare vita e mutevolezza in un campo visivo che altrimenti tenderebbe all’appiattimento della perfezione ripetibile. Insieme, mostrano un atteggiamento che è presente e vitale nella realtà contemporanea. La ricerca che ha portato a questo progetto è iniziata nel 2001 con una riflessione sulle identità flessibili, un fenomeno che aveva conquistato già una certa visibilità. Approfondendo lo studio, è stato presto chiaro che il campo poteva essere ampliato in altre direzioni. Ciò che ne è emerso è che l’apertura può manifestarsi in modi diversi. Certamente è presente nei progetti di identità dinamiche, che, dopo l’intuizione pionieristica di Karl Gerstner nei tardi anni Cinquanta, sono diventati più facili da gestire ed applicare. Ma si può trovare anche in un atteggiamento verso spettatori e utenti, che li invita a collaborare, e in processi che stimolano risultati fedeli ai principi e non derivati da preconcetti visivi. A prima vista, i progetti esposti non mostrano connessioni evidenti, perché non condividono aspetti formali o medium; la connessione appare chiara però quando si tratta di metodi e motivazioni.Il fenomeno che cerchiamo di presentare ed esaminare qui si è già diffuso, e molti designer hanno adottato approcci simili – per convinzione o per opportunismo – e lo hanno fatto in modi più o meno significativi. I progetti che abbiamo selezionato sono tra quelli che hanno aperto ed ampliato questo percorso; crediamo anche che lo abbiano fatto in modo onesto e utile, sfidando il loro pubblico ad assumere un atteggiamento più attivo e curioso nei confronti della comunicazione visiva. Il titolo Open Projects rende omaggio al libro Operaaperta di Umberto Eco, che nel 1962 ha per la prima volta fatto emergere questo approccio nelle arti visive, nella musica e nella letteratura. Ci è sembrato naturale, ora che si è diffuso nel campo del design, riutilizzare ed adattare la sua definizione, nello stesso spirito dei lavori esposti qui.

Open Projects / Des Identités Non Standard

Open Projects
Des Identités Non Standard
sfoglia il libro

L’editore francese Pyramyd pubblica il libro Open Projects, una raccolta di progetti curata dalla due designer italiane Cristina Chiappini e Silvia Sfligiotti.

Questo libro offre una visione nel cuore della creazione contemporanea della comunicazione visiva, con progetti legati da un comune atteggiamento di apertura: nel concetto, nel processo, nella forma, nell’interpretazione di chi osserva. Il fruitore diviene autore di percorsi aperti, collaborativi, partecipativi, relazionali; dove il designer crea le condizioni perché tutto questo accada.

Dai segni di luce sparsi in un intero quartiere, ai generatori di un logo che consentono agli utenti di un servizio di modificare l’identità visiva, all’evoluzione mostrata ogni giorno grazie ai contributi dei visitatori … questi sono alcuni progetti contemporanei esposti Open Projects.

Il pubblico/autore viene chiamato a contribuire attivamente nell’identità in movimento, nell’evoluzione e nell’interazione; in un disegno libero e flessibile che attraversa la carta, il web, gli edifici, le città. Da Amsterdam a Montreal nella comunicazione e nel design tipografico virale, Open Projects invita alla scoperta di quello che sarà senza dubbio domani il visual design 2.0.

 

Pages :192

Couverture : souple, avec bandeau

Format : 20 x 25,5 cm

ISBN : 978-2-35017-197-5

Price : 33,25€ TTC

sfoglia il libro

http://www.pyramyd-editions.com/etapes/livre/open-projects-des-identites-non-standard

http://vimeo.com/12397500